Come facilitare la creazione di contenuti

Ottimizzare il tempo ed essere produttivi.

Creare contenuti costantemente non è cosa facile. A volte manca l’ispirazione, a volte il tempo scarseggia e gli impegni quotidiani ci mettono alle strette. Come riuscire quindi a trovare tempo, ispirazione e voglia di creare contenuti per il blog? Di seguito la mia personalissima ricetta!

Tieni il tempo

Niente aiuta a scrivere più dello scrivere.
Un’affermazione banale ma la realtà dei fatti è proprio questa: se si riesce a scrivere con una certa continuità per un buon periodo di tempo, piano piano si entrerà in una sorta di “circolo” produttivo, al contrario però, dopo lunghi periodi di inattività sarà sempre più difficile tornare a “pieno regime”.
Per la serie “un articolo tira l’altro”.

Un pomodoro può aiutarti

E se ti dicessi che un pomodoro può aiutarti?
No, non sto scherzando: c’è una tecnica di lavoro chiamata “pomodoro”! La uso ormai da un bel po’ di tempo e non ne posso più fare a meno.
In cosa consiste questa tecnica? Niente di più semplice: gestisci il tempo di lavoro attraverso intervalli di tempo scanditi da un timer. Io mi organizzo in questo modo: sessioni di 45 minuti intervallate da 5 minuti di pausa; ogni 3 sessioni una pausa lunga di 15 minuti.

Puoi adottare questa tecnica utilizzando un’applicazione apposita, come Pomodoro Timer, oppure puoi fare tutto manualmente con una sveglia o un timer meccanico (quest’ultima è la soluzione che preferisco, perché limita al massimo le distrazioni).

Checklist

Creare una checklist può aiutare ad oliare gli ingranaggi e rendere il tuo lavoro più “fluido”.

Personalmente non utilizzo una checklist ma conosco molti colleghi che ne hanno fatto un punto imprescindibile del loro metodo lavorativo, ricavandoci parecchi benefici. Ti consiglio di sperimentare.
Puoi utilizzare questa tecnica per 15 giorni e poi decidere cosa farne: routine o solo un ricordo? Magari puoi farmelo sapere qui sotto nei commenti.

Nuove idee… dove le trovo?

Trovare nuove idee non è sempre semplicissimo.
Personalmente ho sviluppato una mia convinzione: le idee non arrivano quasi mai quando siamo lì ad attenderle, ma si presentano spesso e volentieri quando siamo impegnati nel fare altro.

Quante volte mi è capitato di rimanere a fissare il monitor del pc per ore, in attesa di un’idea illuminante sulla quale costruire il mio nuovo articolo per il blog (a proposito, il Blog è ancora utile?)! Solo a pensarci mi viene il mal di testa!
Cosa ho imparato con il tempo? Ho imparato che le idee arrivano mentre stai guardando un film, preparando la cena, ascoltando una playlist su Spotify, chiacchierando con un amico, leggendo un libro, non bussano alla porticina della mente, ma passano correndo da porta a porta (entrata e uscita).

Cosa faccio in quei casi? Mi fermo un attimo e la catturo, appunto da qualche parte quell’idea sfuggente. Che sia su un taccuino, sul tablet, sul pc, sullo smartphone, su un fazzolettino di carta… non la lascio scappare via, perché una cosa è certa: “il verbo vola, la scrittura rimane”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui