Cos’è il il ROAS?

-

Che cos’è il Roas?
Il ROAS (Return On Advertising Spend)) è semplicemente il ritorno economico che ottieni da una campagna di advertising, con Facebook ADS e Google ADS che la fanno da padroni!

Come si calcola il roas?

Calcolo ROAS: Esempio pratico.
Spendi 10€ per una campagna ADV ed ottieni 50€ dalla stessa campagna ADV: il risultato equivale a €50 (ottenuto) diviso 10 (investito) = X5 di ROAS (ovvero hai ottenuto 5 volte la somma investita).
La formula esatta è: guadagno generato/costi investimento campagna.

A differenza del ROI (Return On investment), il roas si calcola senza prendere in considerazione altri investimenti “esterni” alla campagna di ADV.
Ad esempio il costo mensile di un’agenzia pubblicitaria che cura le campagne ADV non rientrano nel calcolo del ROAS.

Sapere cos’è e come si calcola il roas ti permette di capire se le cose stanno andando per il verso giusto con le campagne pubblicitarie.


Dovresti sempre tenere a mente che:

1 – Attraverso il ROAS puoi capire come stanno andando le campagne di ADV che stai pagando e di conseguenza capire se i soldi investiti stanno generando un ritorno economico.

Ma allo stesso tempo valuta con attenzione perché:

2 – Il ROAS che vedi nell’immediato non è “definitivo”, ed una buona campagna ADV non può prescindere soltanto dal ritorno immediato. In più ci sono altre metriche ed altri obiettivi che non necessariamente sono misurabili in introiti economici immediati (la campagna di ADV potrebbe avere come obiettivo l’acquisizione di follower per la pagina dell’azienda, ad esempio).

L’acquisto di un tuo prodotto o servizio può essere una tantum, ma può anche dar vita ad un processo di fidelizzazione (che non si genera da solo, ma va anche questo studiato e realizzato con tutte le competenze del caso). Questo aumenterebbe il ritorno dell’investimento nel tempo con ri-acquisti da parte dello stesso utente (diventato ormai cliente); in questo caso potremmo definire quello che è il valore del cliente nel tempo ed avere un quadro ancora più preciso sugli investimenti in ADV e sulle entrate generate nell’immediato e nel tempo.

Quest’ultimo punto è un po’ più complicato da mettere in atto, perché prevede un controllo sui dati non indifferente, specialmente quando ci troviamo davanti a realtà ben strutturate che generano una grande quantità di ordini al giorno, ma a mio avviso rimane un’azione necessaria.

In conclusione: calcolare il ROAS è fondamentale, perché ci permette di capire se i soldi investiti nelle ADS stanno portando a risultati positivi; se abbiamo l’opportunità di tracciare anche il valore del cliente nel tempo e quindi il ROAS generato nel tempo, avremo un quadro ancora più completo per valutare l’efficacia dell’adv.

Roberto Gianpiero Protano
Esperto di Marketing e Social Media Marketing. Dal 2013 aiuto le aziende a sviluppare strategie di marketing su diversi canali, tra cui i Social Media (ad oggi gestiti oltre 500.000€ in campagne Facebook e Linkedin Ads). Entusiasmato dalle nuove tecnologie e la SEO.

Share this article

Recent posts

Popular categories

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Recent comments